Il Chihuahua

Home/

Il Chihuahua

Il Chihuahua

Lo Standard

FCI Standard N° 218/ 04.10.2019

RAZZA: CHIHUAHUA

ORIGINE: MESSICO

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VALIDO: 04.09.2019

UTILIZZO: CANE DA COMPAGNIA

CLASSIFICAZIONE F.C.I.: GRUPPO 9 CANI DA COMPAGNIA – SEZ. 6 CHIHUAHUA SENZA PROVA DI LAVORO.

ASPETTO GENERALE: È un cane dalla costruzione compatta. Di grande importanza è il fatto che il suo cranio sia a forma di mela e che porti la sua coda, moderatamente lunga, molto alta, sia ricurva che arrotondata a semicerchio con la punta diretta verso la regione lombare.

PROPORZIONI IMPORTANTI: La lunghezza del corpo è leggermente superiore dell’altezza al garrese. Si desidera tuttavia un corpo quasi nel quadrato, specialmente nei maschi. Nelle femmine, a causa della funzione riproduttiva, è permesso un corpo leggermente più lungo.

COMPORTAMENTO-CARATTERE: Svelto, sveglio, vivace e molto coraggioso.

TESTA:

REGIONE DEL CRANIO:

  • Cranio: Testa ben arrotondata a forma di mela (una caratteristica della razza).
  • Stop: Molto marcato, profondo e ampio poiché la fronte è arrotondata al di sopra della base del muso.

REGIONE DEL MUSO:

  • Tartufo: Sono permessi tutti i colori. Moderatamente corto, diretto leggermente verso l’alto.
  • Muso: Corto, diritto se visto di lato, ampio all’inserzione, si assottiglia verso la punta.
  • Labbra: Asciutte e ben aderenti.
  • Mascelle/Denti: Chiusura a forbice o a tenaglia. Enognatismo, prognatismo così come qualsiasi altra anomalia nella posizione della mascella superiore o inferiore, devono essere severamente penalizzati.
  • Guance: Solo leggermente sviluppate, molto asciutte.

OCCHI: Larghi, rotondeggianti nella forma, molto espressivi, non sporgenti, perfettamente scuri. Gli occhi chiari sono permessi ma non ricercati.

ORECCHI: Larghi, eretti, largamente aperti, ampi all’inserzione, si assottigliano gradualmente verso la punta leggermente arrotondata. A riposo, sono inclinati lateralmente, formando un angolo di 45°.

COLLO: Profilo superiore leggermente arcuato. Media lunghezza. Più spesso nei maschi che nelle femmine. Senza giogaia. Nella varietà a pelo lungo, la presenza di un collare con pelo più lungo è altamente desiderata.

CORPO: Compatto e ben costruito.

  • Linea superiore: Orizzontale.
  • Garrese: Solo leggermente marcato.
  • Dorso: Corto e fermo.
  • Rene: Fortemente muscoloso.
  • Groppa: Ampia e forte; quasi piatta o leggermente inclinata.
  • Torace: Cassa toracica ampia e alta, costole ben cerchiate. Visto dal davanti, torace spazioso ma non esagerato. Visto di lato, arriva a livello dei gomiti. Non è a forma di botte.
  • Linea inferiore e ventre: Formata da un ventre ben rialzato. Un ventre rilasciato è permesso ma non desiderato.

CODA: Inserita alta, piatta in apparenza, di lunghezza moderata; larga alla radice, si assottiglia gradatamente verso la punta. Il portamento della coda è un’importante caratteristica della razza: in movimento, la coda è portata sia alta formando una curva o a semicerchio con la punta diretta verso la regione lombare, il che contribuisce all’armonia dell’insieme. La coda non deve mai essere portata fra gli arti posteriori né arrotolata sotto la linea dorsale. Il pelo della coda, secondo la varietà, è in armonia col pelo del mantello. Nella varietà a pelo lungo forma un pennacchio. La coda, a riposo, è pendente e forma un leggero uncino.

ARTI ANTERIORI:

  • Aspetto generale: Gli anteriori, visti dal davanti, formano una linea diritta con i gomiti. Visti di lato, sono verticali.
  • Spalla: Pulita e moderatamente muscolosa.
  • Braccio: Buona angolazione tra scapola e braccio.
  • Gomito: Fermo e strettamente aderente al corpo, assicura libertà di movimento.
  • Avambraccio: Diritto e di buona lunghezza.
  • Metacarpi: Leggermente obliqui, forti ed elastici.
  • Piedi anteriori: Molto piccoli e ovali con le dita ben separate ma non allargate (non piede di lepre né piede di gatto). Le unghie sono particolarmente ben arcuate e moderatamente lunghe. I cuscinetti sono ben sviluppati e molto elastici. Gli speroni non sono desiderabili.
 

POSTERIORI:

  • Aspetto generale: Posteriori molto muscolosi con ossa allungate; verticali e paralleli fra loro, con buone angolazioni al bacino, al ginocchio ed al garretto, in armonia con le angolazioni degli anteriori.
  • Metatarso: Garretti corti, con tendine d’Achille ben sviluppato; visti da dietro sono ben distanziati, diritti e verticali.
  • Piedi posteriori: Molto piccoli e ovali con le dita ben separate ma non allargate (non piede di lepre né piede di gatto). Le unghie sono particolarmente ben arcuate e moderatamente lunghe. I cuscinetti sono ben sviluppati e molto elastici. Gli speroni non sono desiderabili.
 

ANDATURA/MOVIMENTO: I passi sono lunghi, elastici, energici ed attivi, con buon allungo e buona spinta. Visti da dietro, i posteriori devono muoversi restando quasi paralleli, cosicché le orme del piede posteriore vadano direttamente a cadere su quelle dell’anteriore. Aumentando la velocità, gli arti mostrano la tendenza a convergere verso il piano mediano (single track). Il movimento rimane elastico e sciolto, senza visibile sforzo, la testa è rialzata ed il dorso fermo.

PELLE: Liscia ed elastica su tutta la superficie del corpo.

MANTELLO: Pelo: In questa razza vi sono due varietà di pelo:

  • Pelo corto: Il pelo è corto e ben adagiato su tutto il corpo. In presenza di sottopelo, il pelo è un po’ più lungo; un pelo rado è accettato alla gola ed al ventre; è leggermente più lungo sul collo e sulla coda, corto sul muso e sugli orecchi. Il pelo è lucido e la sua tessitura è morbida. Cani senza pelo non sono ammessi.
  • Pelo lungo: Il pelo deve essere fine e serico, liscio o leggermente ondulato. E’ ricercato un sottopelo non troppo spesso. Il pelo è più lungo, formando frange agli orecchi, collo, sulla parte posteriore degli arti anteriori e posteriori, sui piedi e sulla coda. Cani con lungo pelo fluttuante non saranno accettati.
  • Colore: Tutti i colori, con tutte le possibili sfumature e combinazioni sono accettati, tranne il “merle”.

 

TAGLIA E PESO: In questa razza non si tiene conto della taglia, ma solo del peso. Peso: da 1 a 3 kg. Peso ideale: fra 1,5 kg. e 2,5 kg. I cani che pesano meno di 1 kg. e più di 3 kg. saranno squalificati.

DIFETTI: Qualsiasi deviazione dai punti di cui sopra deve essere considerata come un difetto che sarà penalizzato in funzione della sua gravità e delle sue conseguenze sulla salute e sul benessere del cane.

  • Mancanza di denti.
  • “Doppi denti” (persistenza di denti da latte).
  • Orecchi appuntiti.
  • Collo corto.
  • Corpo lungo.
  • Dorso arcuato o insellato (lordosi o cifosi).
  • Groppa avvallata.
  • Torace stretto, cassa toracica con costole piatte.
  • Coda: inserzione non corretta, corta o ritorta.
  • Arti corti.
  • Gomiti scollati.
  • Posteriori troppo chiusi.
 

DIFETTI GRAVI:

  • Cranio stretto.
  • Occhi piccoli, infossati nell’orbita o sporgenti.
  • Muso lungo.
  • Enognatismo o prognatismo.
  • Ginocchio non fermo.
 

DIFETTI DA SQUALIFICA:

  • Soggetto aggressivo o eccessivamente timido.
  • Ogni cane che presenta in modo evidente delle anomalie.
  • Tipo “cervide” (cane di costruzione atipica o estremamente stilizzata: testa finemente cesellata, collo lungo, corpo sottile, arti lunghi).
  • Soggetto che presenta una fontanella aperta.
  • Orecchi cadenti o corti.
  • Mascelle deviate.
  • Corpo estremamente lungo.
  • Mancanza di coda.
  • Nella varietà a pelo lungo: pelo molto lungo, fine e fluente.
  • Nella varietà a pelo corto: chiazze prive di pelo (alopecia).
  • Color “merle”.
  • Soggetti con peso inferiore ad 1 kg. e superiore a 3 kg. devono essere squalificati.

N.B. :

  • I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto.
  • Solo i soggetti sani ed in grado di svolgere le funzioni per le quali sono stati selezionati e la cui morfologia è tipica della razza, possono essere utilizzati per la riproduzione. 

Toelettatura

Come prendersi cura del mantello del Samoiedo

Il Popolo Samoiedo

Cenni storici sul popolo Samoiedo e sulle origini della razza

Il Samoiedo in Italia

I primi Samoiedo in Italia e la nascita dei primi allevamenti

I nostri primi Samoiedo

Ci piace ricordare i nostri primi Samoiedo